TRILOGIA SPORCA DE L’HAVANA. Tra miti letterari e miti di propaganda.

Credo che oggi l”Havana sia più vicina agli antichi splendori architettonici, rispetto a quando l’ho vista io. Ma non penso potrebbe esercitare su di me, più fascino di allora. Si vedevano le prime impalcature per le ristrutturazioni delle dimore storiche affacciate sul Malecon, ma la maggior parte degli edifici versava in stato di struggente decadenza.

Il centro è piccolo si passeggia. Scesi dall’auto al Malecon con l’idea di camminare sul lungomare. Salutai il mio autista e gli diedi appuntamento alle 7 di sera. Avevo sottovalutato la pervicacia del padre di famiglia. Ogni 200 metri era fermo con la baracca e mi faceva segno di salire in auto. L’incubo si è perpetrato e reiterato. Quindi ho accettato di fare un tour guidato delle principali attrattive (di regime) e ho ascoltato l’accorata voce della propaganda. Poi ho avuto un’idea geniale. Stop over alla Bodeguita del Medio. E li con una paio di cervezas è una piatto di riso con fagioli, me lo sono tolto di torno.
A quel punto spazio al vero giro della città fatto di mercatini di libri, e cortili fatiscenti da cui risuonava la musica di Compay Segundo e dei Buona Vista Social Club che avevo sentito suonare a Milano. La giornata è volata.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...