BROCANTE NEL TIGULLIO

Ogni secondo week end del mese, a Chiavari si tiene l’ormai tradizionale mercatino antiquario, che per quel che mi ricordo io si tiene da almeno 16 anni. È un mercatino con antiquari selezionati e tanti bei pezzi esposti. I miei pezzi preferiti sono i mobili da giardino recuperati da qualche lido francese, i camicioni delle nonne con pizzi e trine, alcune borsette vintage in coccodrillo e i borsalino in paglia e l’immancabile banchetto degli anelli in argento.
Due delle mie borsette in croc vengono da qui. La prima anni cinquanta me la sono sudata in una trattativa maricchina all’ultimo centesmo e me la sono aggiudicata per 200 euro. La seconda per soli 80. Ogni tanto
una botta di coccodrillo ci vuole! Oggi ho preso un altro pezzo super: ina borsetta color tabacco in lucertola. Un pezzo americano anni ’50 per ricchi 25 euro perchè i manici erano stati restaurati.
image

image

image

image

image

image

image

TRADIZIONE DI PASQUA. FAMILY TRIP IN LIGURIA

In realtà il venerdì santo a Chiavari è stata la vacanza perfetta. Viaggio liscio a traffico zero. La mia solita casetta in carugio, mia mamma, mia sorella e io. Noi tre da sole in fuga al mare per un paio di giorni. Mattina dedicata a una strage di shopping low cost. Il mercato di Chiavari è eccezionale perfino per me che detesto i mercati. Compri a pochi euro il pezzo, piccoli pezzi di stock. Devi avere l’occhio allenato, essere veloce, e distinguere il sintetico al primo sguardo. Insomma stylist nata. Ne esco con una camisola di seta azzurro polvere, una casacchina effetto batik, una maglia allacciata dietro e un bomberino caramello preso al banco del Giapponese. Il tutto per 42 euro. Pranzo dalla Olga, siesta al sole per il primo costume di stagione, poi pizza e cinema. Ma cosa voglio di più dalla vita? Ecco forse se oggi non avesse piovuto…

image
image

L’OASI FAUNISTICA DELL’ENTELLA

Andando in direzione Lavagna si incontra il fiume Entella. Il corso del fiume è area protetta, l’oasi faunistica dell’Entella. Il lungo fiume segue il corso d’acqua per parecchi km ed è una delle aree favorite dei runner. In particolare il lato di Lavagna si estende verso l’interno per parecchi km ed é il percorso ideale per allenarsi o per farsi una passeggiata. È ombreggiato e vi soffia sempre una leggera brezza. Peccato che oggi piova, quindi niente corsa.

IMG_1418.JPG

FOCACCIA&RIPIENI

Tutte cose che mi fanno ingrassare ça va sens dire. Però ogni tanto uno strappo alla regolaper la focaccia bianca o la Recco si deve fare. A Chiavari c’è l’eterna diatriba tra i fans di Piombo e quelli di Raffo. Io sono per Piombo. Poi i ripieni: le verdure e la baciocca, la torta genovese della Olga, i polpettoni di patate e patate e fagiolini. I miei preferiti son quelli di Stefano (Pettinaroli). Invece Piombo per la torta salata di bietole, la n.1.
Ah dimenticavo la farinata di Vittorio che fa asporto, ma meglio cenare lì.

image

image

image

SHOP@CHIAVARI

Sebbene i negozi del carugio siano meno smart di 10 anni fa, lo shopping è ancora interessante a Chiavari.
A.M.R resta il top per le griffe, con 3 negozi nel carugio dritto e un altro punto vendita a Sestri. Le proprietarie sono le sorelle Torre. Raramente non condivido le loro scelte nella campagna acquisti. Sempre capi originali, ma misurati. Purtroppo molto cari, quindi accessibile sono nei saldi e allo “sbarassü”.
Da Salino ho comprato un paio di biker grigio piombo. La titolare è sorridente e molto simpatica. Poco ligure. Voto 9.
Zorzi resta il mio negozio preferito. In piazza del mercato, un’unica vetrina stra curata. La proprietaria è una biondina, non filiforme, ma stilosissima. Una vera icona, super simpatica e dotata di gusto infallibile. Nei saldi trovare qualcosa è un miracolo. Sceglie pochi pezzi che esaurisce subito. Inspiration point comunque. Anni fa ho fatto incetta di parigine in lana color cammello e salvia, da portare con giarrettiera elastica nascosta. Pezzi unici scovati in qualche fabbrica in chiusura.
Poi il mercato: il banco di sciarpe e cuffie in cachemire e altri in cui trovi qualche pezzo in stock a spiccioli.

image

image

image

image

IL LIDO DI FIDO. A CHIAVARI

Finalmente dopo circa 10 anni che aspetto e adesso che non ho più la casa, anche a Chiavari si sono decisi ad aprire un tratto di spiaggia pubblica ai cani. Libero accesso! Evviva!! Il Lido di Fido è situato a levante, dopo il parcheggio della colmata, in pratica appena prima dei bagni Giardini. La spiaggia non è riservata ai bagnanti con quadrupedi al seguito, quindi ci vuole un po’ di cautela con gli altri peraltro pochissimi bagnanti.
image

image

image

image

CHIAVARI, APERITIVO TIME

Ebbene si. Uno spritz non si nega neanche ai condannati. E comunque a me un calice di Pigato freddo mi riconcilia co la vita. E non disedegno certo le birrette.
A Chiavari ultimamente hanno aperto diversi posti carini. Per gli amanti della vista mare (nonostante la bruttezza del lungomare) non restano che Tirabouchon o l’Oasi a mio gusto. L’uno preferibilmente per i vini, l’altro cocktail e birre estere ad esempio le mie favourite Miller o Red Stripe.
Nei carugi scelgo un baretto scrauso in via Rivarola che è molto fornito di birre e i camerieri sono ragazzini molto simpatici. Oppure la Vinaria all’angolo vicino a Vittorio. Se proprio vi punge vaghezza di uno Zucca con seltz e arancia, allora sicuramente il De Filla in corso Garibaldi angolo Rivarola. È inserito tra i locali storici Italiani. Vecchio stile, decisamente ma anche dotato di enoteca con cucina di buon livello e fascia di prezzo medio alto. Gli altri posti non mi smuovono. Il Crystal con i precedenti proprietari era carino. Ma è da tanto che non ci vado.

image

image

image

image