METTI UNA DOMENICA A MILANO

Già metti una domenica a Milano. Di quelle domeniche che si profilano noiose, di quelle che non hai niente all’orizzone. E poi la vita ti svolta così nemmeno hai capito come e scopri che la tua città, che Milano che proprio non è una città da wek end, figuriamoci in estate, ti svela una delle sue anime segrete, come i suoi cortili. Finisce che mi faccio invotare a un pic nic italo-giapponese al parco di porta venezia. 

Annunci

POMERIGGIO DI ORDINARIO COLORE A MILANO.

Ci sono week end a Milano, in cui la primavera esplode di sole e di fiori. Sabati in macchina, finestrino aperto e via verso chinatown. Che da Kathay tra ciotole giapponesi e banana chips ci passeresti la mattina. Carrello stracarico e cuore pieno di felicità e insana voglia di confort food che ti porta diretta verso un bento da j’s Hiro.
Una giornata così può andare in un solo modo. Stop over da Gum in Porta Ticinese per un ritocco rock ai capelli e poi a comprare gadget da Crabby Kids. E domani invece si va a Floralia.

image

image

CERIMONIA DEL TÈ. SUGIMOTO. VENEZIA

Capitare a San Giorgio vagando senza meta in cerca di ispirazione e capitare nel bel mezzo di una cerimonia del tè, giapponese purosangue, capita una volta nelle vita.
Scendiamo dal vaporetto a San Giorgio, di fronte alla Chiesa, resa ancor più maestosa da una possente intallazione e colonne di mosaico oro, che si staglia proprio di fronte all’acqua. Andiamo verso la Fondazione Cini per vedere Sugimoto. Capitiamo durante un evento. Una vera cerimonia de tè viene inscenata per i pochi avventori ammessi ad ogni replica. Riusciamo a farci invitare, grazie alla nostra consueta faccia tosta.

Una teca in vetro è sospesa su una lunga piscina in mosaico Bisazza turchese. Una coppia di ospiti in abito tradizionale entra e si accomoda. Entra il tea Master e il Giappone va in scena.
Un’interprete giapponese in kimono da cerimonia ci spiega ogni gesto e rituale. Una grande emozione.

PHOTO: alli alessi
image

image

image
image

image

image