I MULINI A VENTO E L’ACQUA MINERALE

Una delle immagini piu’ suggestive di Porto santo sono i mulini a vento in legno.L’unico mulino originale, pero’ attualmente è nel Museo Cardina, il cui ideatore e propritario produce anche un’ottimo vino.

Particolarita’ da notare: i mulini erano su ruote per poter cambiare direzione al cambio del vento che viene da nord o da sud e cambia repentinamente. Da 35 anni non funzionano piu a causa della lunga siccità che ha colpito l’isola. Con la carenza di acqua e’ cessata la produzione del grano. Un’altra produzione che si e’ estinta era quella dell’acqua,  di qualità eccellente, premiata anche in Argentina. Soppravvive, oggi, solo l’edificio in cui si imbottigliava, all’ingresso di Vila Baleira, vicino all’hotel TORRE praia.

image

image

image

image

TOUR NELLA GEOLOGIA DI PORTO SANTO

Per gli appassionati di natura, scienza e geologia, e’ imperdibile il giro dell’isola. Per farsi un’idea della geologia di Porto Santo, si puo’ consultare questo sito: http://conheceroportosanto.weekly.com/geologia.html

Il mio e’ stato un tour fortunato, mi ha accompagnato in jeep una guida italiana, Andrea, originario di Bergamo, che ormai vive a Porto Santo da quasi 6 anni e da qui non ha la minima intenzione di schiodarsi. Grande appassionato di questa terra e del suo lavoro, ci ha fatto scoprire i piu’ piccoli segreti e gli angoli nascosti, emersi circa 40 milioni di anni fa. Abbiamo visto la terra cambiare colore e la vegetazione apparire e sparire, man mano che ci siamo addentrati nella zona piu’ selvaggia dell’sola, attraversandola, fino ad arrivare di fronte strapiombi e scogliere mozzafiato, dove l’Oceano e’ turchese e il vento soffia forte. Abbiamo visto dove nasce la sabbia e i mulini a vento, abbiamo passeggiato per Quinta das Palmeiras, un giardino botanico privato, sorto in mezzo alla landa desertica. Abbiamo visto le canne d’organo, i fichi d’india e anche il campo da Golf, progettato dal campione scomparso Seve Ballesteros. E tutto ci e’ sembrato stupendo. Per chi volesse fare questo giro, Andrea lavora per www.angietravelagency.com”>Angie Travel