02. OLIO PUGLIESE DEL MILANESE.

La passione per la terra dà sempre buoni frutti.

Si ok era un claim pubblicitario di qualche anno fa e anche uno dei più retorici. Ma nella retorica c’è anche un fondo di verità. Senza la cura e la passione non si ottiene niente. C’è una storia di passione nella piccola e curata produzione di olio ZERODUE  (si proprio il prefisso di Milano) di Fabrizio Sansoni professione food designer e private chef.
In barba all’annata non felice per i produttori di olio, ZERODUE è già disponibile.

Per gli inguaribili curiosi e i fans dell’olio non trattato, contattatemi vi darò i riferimenti del proprietario.

LogoFS                        etichetta olio_nera

etichetta olio_bianca               latta olio

 

image

image

 

Annunci

IL RITO DEL MERCATO A CHIAVARI

La mattina il rito della spesa al mercato non me lo toglie nessuno.. (considerando che detesto far la spesa e cucinare a Milano, non so perché ma in provincia mi è sempre piaciuto).
Sarà che adoro la cucina ligure, perfetta per i vegetariani come me con i ripieni e le torte di verdure, sarà che dovunque trovi le specialità della cucina tipica pronte e squisite, sarà che la mattina vola scegliendo le verdure fresche al mercato.
Se riesco a svegliarmi per le 9.30 subito al mercato. La lollo, i cuori di bue, il cipollotto di Tropea, peperoni, limoni. Molti prodotti arrivano dalla collina intorno, dai produttori locali. C’è un banco con l’olio ligure e le olive taggiasche.
E l’avocado perfetto, quello del Perù, con la buccia ruvida al banco dell’arabo. Ti sceglie sempre i prodotti a perfetta maturazione,  col sorriso, la spiegazione tecnica sulla provenienza e le caratteristiche che alla fine ha vinto la diffidenza del Chiavarese doc.
Poi si va al banco del Cavatorta, cioè quando mangiavo la carne era tappa obbligata e ancora se ho ospiti. L’asado o il pollo arrosto e le costine. Coda interminabile, ma ne vale la pena.

image

image

image

image

IMG_4507.JPG

IMG_4497.JPG

IMG_4499.JPG