VIAGGIO AL CENTRO DEL FOOD(IE TELLER)

Perchè io dico si può viaggaire in tanti modi. E lo Street food è uno dei modi più invitanti conoscere un paese e la sua cultura e la sua capacità di contaminare e contaminarsi. La grassezza che mi attanaglia in questo periodo è sicuramente data da frequenti viaggi al centro della cultura gastronomica. La bilancia urla vendetta e il dietologo ringrazia, sentitamente. Questa sera al Mercato Burger bar a seguire le riprese di Foodie Teller, in onda sul canale sky La3 e condotto dall’eclettico e irrefrenabile onnivoro Carlo Spinelli, in arte Doctor Gourmeta, è stato l’ennesimo baratro calorico. Il Mercato Burger bar è il mio preferito. Piccolo, ma così piccolo che non trovi mai posto e ti devi rassegnare a una coda al freddo. Vegan burger e gli onion ringrs più buoni del mondo. Cipolla vera e panatura tripla e croccantissima e salsina squisita.
E buon viaggio.

GazzettaGastronomica-250x164

Annunci

SHALOM. IL FALAFEL È SERVITO. PARIS

Rue des Rosier è al centro del quartiere ebraico, posto nel 3 arrondissment, in pieno Marais. È uno dei quartieri di maggior fermento in città. E anche il punto fisso per gustare street food di cucina kosher. Impossibile non passeggiare nelle vie senza fermarsi a prendere qualche leccornia da asporto, tipo i falafel più buoni del mondo.

image

image

image

image

image

DONG BA. HO MANGIATO AL MERCATO. HUE

Il mercato di Dong Ba mi è piaciuto moltissimo. Ho trattato come una pazza per un abito tradizionale tunica e pantaloni di seta blu. Per 500.000 dong sarebbe stato mio. Poi ho pensato che la carta di credito forse li dentro anche no. Peccato era stupendo e la proprietaria del banchetto molto carina.
Per finire, dopo aver scattato 1000 foto, ho assaggiato una ciotala di riso al vapore, noodle, verdure, maiale fritto piccante. Squisito. Forse non dovevo usare le bacchette pubbliche però. …

image

image

image

image

FOOD & STREET FOOD IN HA NOI

La cucina vietnamita conta circa 500 specialità.  Ho cominciato dallo street food. Il mio hotel boutique è strategicamente posizionato a pochi passi dalla più famosa via di street food della città vecchia di Ha Noi.
Il tutto innaffiato da Bia Ha Noi, la birra locale.
Stasera ho cenato in un indirizzo sicuro. Quotatissimo bistrot con terrazza sulla rumorosa nightlife di Ha Noi, il QUAN BIA MINH, al 7 di Pho Dinh Liet, serve street food di ottima qualità per cifre irrisorie. Cena per 2: bun cha, fresh spring rolls e fried crab rolls e birra 11 dollari in tutto.

image

image

image

image

image

image

PHO IN RISCIÒ. HA NOI

Un tour in risciò non si nega neanche ai condannati. Per 10 euro più 2 di mancia abbiamo rischiato la vita almeno un centinaio di volte sul risciò di un simpaticissimo Vietnamita che ci ha portato a intossicarci per la città. Direi che di strada ne ho avuto abbastanza. Quindi niente street food, ma un delizioso PHO  all’Orchid restaurant, che oltre a una cucina curata, offre anche coesi di cucina e libri vari in tutte le lingue. Lo adoro

image

image

image

image

image

image

image

image